sabato, 20 Luglio 2024
Home > Soldi > Nuove Prospettive Monetarie in Giappone

Nuove Prospettive Monetarie in Giappone

Il Governatore della Bank of Japan (BoJ), Kazuo Hueda, ha annunciato una svolta storica nella politica monetaria del Paese, portando i tassi di interesse in territorio positivo, con un range compreso tra lo 0% e lo 0,1%, rispetto al precedente -0,1%. Questo movimento segna un’inversione di tendenza significativa, poiché la BoJ è diventata l’ultima banca centrale al mondo a decidere di aumentare i tassi, ponendo fine a una politica di tassi negativi che perdurava dal 2007. Questa decisione rappresenta un cambio di rotta rispetto ai ripetuti tentativi, finora infruttuosi, di stimolare l’economia giapponese, che ha lottato con una deflazione persistente per oltre due decenni.

Secondo Hueda, questo aumento dei tassi è una risposta agli incrementi salariali senza precedenti in Giappone, registrati per la prima volta dal 1991, e alle crescenti aspettative di inflazione da parte delle imprese. Tuttavia, il Governatore della BoJ ha sottolineato che non vede questo incremento come un segnale di ulteriori rialzi futuri, specialmente considerando il recente declino dell’inflazione “core” nel Paese.

Oltre all’aumento dei tassi, la BoJ ha abbandonato la politica di controllo della curva dei rendimenti (YCC), che mirava a stabilizzare i rendimenti delle obbligazioni giapponesi intervenendo direttamente sui mercati. Tuttavia, per evitare di destabilizzare gli investitori, la BoJ ha confermato che continuerà a investire circa $40 miliardi al mese nell’acquisto di bond nazionali.

Le decisioni della BoJ sono seguite con grande interesse dai mercati finanziari globali. A seguito di una politica monetaria estremamente espansiva, il Giappone è diventato il maggiore investitore obbligazionario al mondo, sfruttando il cosiddetto “carry trade” per trarre profitto dal differenziale di rendimento tra le valute. Un’inversione verso una politica monetaria più restrittiva potrebbe spingere gli investitori giapponesi a disfare queste operazioni, con potenziali ripercussioni sui rendimenti obbligazionari statunitensi e sui mercati azionari globali.

Autore
Niki Rocco
Senior Web Developer e Seo Specialist di professione. Laureato in Informatica presso l'università Cà Foscari di Venezia, ha una passione sfrenata per il web.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*