sabato, 20 Luglio 2024
Home > Genitori e Figli > Parental control: una guida efficace per la protezione dei bambini online

Parental control: una guida efficace per la protezione dei bambini online

Figli e tecnologia, come gestire questo complesso binomio? Alcuni genitori sono letteralmente “terrorizzati” dalla tecnologia e tengono i loro figli lontani da pc, smartphone e tablet. Altri genitori invece lasciano navigare i loro figli sul web senza alcun controllo, ignorando i pericoli e le trappole che si celano in rete.

La soluzione come al solito sta nel mezzo. I bambini di oggi sono chiamati nativi digitali, proprio perché crescono a pane e tecnologia. Impedire loro di navigare sarebbe non solo inutile ma anche controproducente, poiché il web aiuta anche negli studi e nelle ricerche scolastiche. Chiaramente i bambini non devono essere lasciati liberi di “pascolare” nel web, dove i pericoli sono davvero tanti soprattutto per loro che sono ingenui e facilmente raggirabili.

Il miglior alleato dei genitori è il parental control, un software che consente di creare delle barriere all’interno del web al di fuori delle quali i bambini non possono uscire. I genitori possono così dormire sonni tranquilli, con la certezza che i loro piccoli navigano in un ambiente sicuro. Per saperne di più scopri su Neoconnessi.it come utilizzare al meglio il parental control. Neoconnessi è un progetto digitale di Windtre che spiega come proteggere i bambini online e in generale come educarli ad un utilizzo corretto del web, coinvolgendo le famiglie e le scuole con programmi interattivi e molto stimolanti.

Parental control una guida efficace protezione

Le opzioni di controllo e le impostazioni sul tempo

Molte piattaforme e dispositivi di parental control offrono opzioni native di controllo genitori, che generalmente sono sufficienti per creare barriere protettive abbastanza solide e affidabili per tenere i piccoli lontani dai pericoli del web. Se però le opzioni native non sono considerate sufficienti, allora si possono utilizzare software di terze parti che offrono funzionalità ancora più avanzate e personalizzabili per il controllo dei genitori.

Una volta scelte le opzioni di controllo bisogna selezionare le impostazioni relative al tempo. Sarebbe una buona norma impostare dei limiti di tempo, scaduti i quali i bambini non possono accedere a Internet o comunque a determinate app o siti. Altra buona pratica è creare dei periodi di pausa nel corso della giornata, come i pasti o prima di andare a dormire, stimolando anche la convivialità e la conversazione in famiglia.

Filtraggio e restrizioni dei contenuti

Bisogna configurare i filtri per impedire l’accesso a siti con contenuti poco appropriati per dei bambini, come siti pornografici, siti che contengono scene e foto di nudo o di violenza. Si possono configurare i dispositivi o i software per limitare l’accesso ai contenuti anche in base all’età dei propri figli. Non bisogna tenere i propri figli sotto una campana di vetro, quindi è anche sbagliato impedire l’accesso a qualsiasi tipo di sito. Un ragazzino di 15 anni, ad esempio, avrà una maggiore capacità di discernimento rispetto ad un bambino di 7 anni.

Per questo motivo è necessario considerare l’età e le esigenze dei figli quando si impostano le restrizioni e i filtri. Bisogna essere abbastanza flessibili, anche perché l’età dei figli col tempo cambia, così come cambiano le loro attività online.

È opportuno anche selezionare quali app possono essere utilizzate e quali invece devono essere bloccate. Sicuramente vanno impostate delle restrizioni per evitare spese non autorizzate, soprattutto se i figli utilizzano dispositivi con la possibilità di fare acquisti in-app.

Monitoraggio continuo delle attività dei bambini

I bambini non devono essere spiati, ma sicuramente vanno monitorati durante le loro attività online. Va quindi controllata regolarmente la cronologia di navigazione per verificare quali siti sono stati visitati dai bambini. Alcuni parental control offrono rapporti dettagliati sulle attività svolte dai bambini online, compreso il tempo trascorso su un sito.

Bisogna poi fare ogni tanto dei test, verificando se le impostazioni selezionate funzionano correttamente. Inoltre è consigliabile rivedere periodicamente e aggiornare le impostazioni di controllo genitori, tenendo conto delle nuove esigenze dei figli ma anche delle nuove minacce online.

L’online è un mondo ricco di opportunità, ma anche di minacce e di pericoli. Ecco perché è importante utilizzare un parental control efficace, per permettere ai bambini di entrare a contatto col web in modo sicuro e ovattato e sfruttarne tutte le potenzialità. Al di là degli strumenti di controllo, come il parental control, è importante mantenere una comunicazione aperta e chiara coi figli per essere sempre presenti per loro, spiegare i rischi del web e far capire che possono parlare con i genitori in qualsiasi momento.

Autore
Niki Rocco
Senior Web Developer e Seo Specialist di professione. Laureato in Informatica presso l'università Cà Foscari di Venezia, ha una passione sfrenata per il web.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*