lunedì, 23 Novembre 2020
Home > Casa > Sicurezza in casa: cosa fare per migliorarla

Sicurezza in casa: cosa fare per migliorarla

In inverno siamo costretti a trascorrere nelle nostre abitazioni la maggior parte del tempo, quest’anno più che mai. Perciò, è di estrema importanza sentirsi al sicuro e proteggersi, non solo dal virus ma anche dai malintenzionati, che non scompariranno magicamente nel corso di una pandemia. Anche i ladri si aggiornano e sono sempre alla ricerca di nuovi sistemi e nuove tecniche per l’effrazione: ecco perché è di fondamentale importanza restare al passo con i tempi e scegliere prodotti di una certa qualità.

La miglior difesa non è l’attacco, ma una porta blindata

Ebbene sì, i portoni blindati, portoncini blindati e tutta la gamma di infissi da esterni che rendono la nostra casa più sicura, più che utili sono altamente necessari. In quasi tutti gli appartamenti c’è un tallone d’Achille, ovvero la porta d’ingresso: è proprio quest’ultima a dover essere protetta al meglio, in quanto punto più facilmente colpito e primo da cui i ladri tentano i loro furti. I portoni blindati sono quasi inattaccabili, ecco perché è importante provvedere al loro inserimento. Le porte blindate sono molto differenti dalle classiche porte di legno, e nel caso se ne abbia una di questo tipo, andrebbe ricostruita da cima a fondo.

Viene fabbricato un telaio in acciaio e si inserisce nel muro dell’abitazione; l’anta è in doppia lamiera (sia interna che esterna), e prevede la presenza di più meccanismi di chiusura perché, per una maggiore efficacia protettiva, è fondamentale che la serratura vada a chiudere in più punti. I catenacci si inseriscono nel telaio, sia nella parte inferiore che in quella superiore. Una porta blindata, nella maggior parte dei casi, offre anche un buon grado di isolamento termico e acustico. Inoltre, possono essere personalizzate in base alle esigenze e ai gusti personali. Normalmente basta una sola chiave, ma ciò è legato anche alle esigenze personali: ad esempio, non è raro trovare porte blindate con una doppia serratura per impedire l’ingresso nelle ore notturne al personale di servizio.

le porte blindate

Manutenzione porta blindata e sostituzione della serratura: quando?

Una volta predisposti i portoncini blindati in casa, non è necessario effettuare una manutenzione continua. Infatti, questa sarà necessaria soltanto nei casi in cui si riscontrino delle anomalie funzionali. Discorso più approfondito andrebbe invece fatto per la serratura. Sulla serratura si interviene dopo un furto, quando la chiave si spezza all’interno, per usura dovuta agli anni o, più semplicemente, quando si smarriscono le chiavi. Le serrature di vecchia generazione potevano essere facilmente aggirate con dei comuni attrezzi di scasso (il più celebre e facilmente reperibile è senza ombra di dubbio la “chiave bulgara”). Le chiavi moderne, invece, sono delle chiavi ad alta sicurezza di ultima generazione, a cilindro europeo, ma soprattutto non riproducibili. Al possessore della chiave viene consegnata, assieme alla chiave stessa, una tessera di riconoscimento che sarà l’unico strumento che permetterà di creare delle copie rispetto all’originale. Possono essere duplicate solo nei centri autorizzati.

Quindi, in caso di smarrimento, l’unico modo per avere un duplicato è presentarsi al centro minuti di tessera di riconoscimento, altrimenti toccherà sostituire la serratura. Alla luce di quanto detto, se non siete ancora muniti di porta blindata, meglio provvedervi subito!

Autore
Daniele Orlandi
Giornalista pubblicista, si occupa di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collabora con diverse testate giornalistiche online e offline.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*