venerdì, 22 settembre 2017
Home > Tecnologia > Cosa usare al posto di Whatsapp, 8 App Alternative

Cosa usare al posto di Whatsapp, 8 App Alternative

Whatsapp è certamente l’app di messaggistica istantanea più utilizzata al mondo, cresciuta esponenzialmente anno dopo anno per la sua intuitività, semplicità di utilizzo e per i costi molto bassi di rinnovo, tanto da convincere Mark Zuckerberg, il fondatore di Facebook, a fare il grande passo e acquistarla. Ma esistono anche diverse alternative a Whatsapp, ovvero programmi o applicazioni che consentono di comunicare con altre persone come amici, parenti o contatti di lavoro, sfruttando l’instant messaging.

alternative a WhatsappCosa usare al posto di Whatsapp dunque? se avete voglia di cambiare, e trovare pratiche soluzioni alternative che risultino al contempo sicure e pratiche da usare, le possibilità certo non mancano, basta essere pazienti e confrontare quanto proposto tra le app gratuite. Tra i punti a sfavore di Whatsapp vi è infatti il costo che pur essendo limitato (89 centesimi l’anno), è necessario per poter continuare ad utilizzare l’applicazione sul proprio smartphone o tablet. Chi è in cerca di cosa usare al posto di Whatsapp dunque solitamente vuole in primis un’app completamente gratuita, priva di qualsiasi costo. Ecco allora che vi sono alternative a Whatsapp che fanno al caso vostro.

Scopriamone insieme otto:

Viber:

dopo Whatsapp è sicuramente una delle app di instant messaging più conosciute. Graficamente si presenta molto simile a Whatsapp ma è gratuita ed è disponibile per iOS, Android, Windows Phone, BlackBerry, Nokia e Bada. La sua particolarità era quella di effettuare le chiamate vocali gratuite, con il dispositivo connesso a internet, anche se di recente Whatsapp si è adeguato implementando questa funzione. Viber è un’alternativa a Whatsapp che permette di identificare gli utenti in base al loro numero telefonico, di accedere alla rubrica dei propri contatti e segnalare chi ha la stessa app installata sul proprio smartpohone o tablet.

Facebook Messenger:

è un’app di instant messaging direttamente collegata a Facebook, che consente di parlare in real time con i propri amici del social network. Pratica da usare, consente di creare accessi diretti alle conversazioni, direttamente dalla home del proprio telefonino. L’ultima versione della app infatti crea delle icone visibili sul display quando un contatto comunica con voi. L’unico limite è il fatto che può essere utilizzata soltanto con gli amici iscritti a Facebook.

Skype:

storico programma per il Pc, da tempo disponibile anche come app per gli smartphone, Skype ha da sempre la particolarità di poter effettuare le chiamate vocali gratuite verso altri utenti Skype o a pagamento verso i numeri di telefono. Permette di inviare messaggi di testo, anche in gruppo, oltre a immagini, file video e audio. I contatti non vengono aggiunti automaticamente come con Whatsapp e Viber, ma bisogna approvare la richiesta utente dopo utente, con il rischio di essere contattati da utenti fake o scocciatori. Resta comunque un’applicazione ampiamente utilizzata in tutto il mondo, disponibile per iOS, Android, Windows Phone e BlackBerry.

Line:

è un’app che anno dopo anno sta conoscendo una sempre maggiore popolarità. Registra nel proprio database il numero di telefono dell’utente, con la possibilità di contattare altre persone che utilizzano Line. Disponibile gratuitamente per iOS, Android, Windows Phone, BlackBerry. consente di inviare messaggi di testo ai propri contatti anche quando stai lavorando al pc, senza dover utilizzare il telefono; è sufficiente scaricare e installare sul computer l’apposito programma, previa registrazione. Funzionalità questa, proposta nel 2015 anche da Whatsapp.

Wechat:

disponibile per iOs, Android, Windows Phone e Blackberry questa app cinese, disponibile anche in italiano, consente di effettuare chiamate vocali, videochiamate e ovviamente chat singole e di gruppo, condividendo con i propri contatti foto e video. E’ scaricabile gratuitamente ed è indicato per chi vuole sapere cosa usare al posto di Whatsapp.

Kakao Talk Messenger:

questa ap richiede una registrazione iniziale, inviando un codice di 4 cifre da utilizzare per poter effettuare l’accesso. Poi, proprio come con Whatsapp, Kakao Talk Messenger accede ai contatti in rubrica individuando coloro che utilizzano la medesima app. Consente tra le altre cose di aprire chat di gruppo ed inviare foto, spezzoni video o clip audio. Inoltre permette di effettuare, previa connessione internet attivata, chiamate vocali. La sua particolarità, che la differenzia da Whatsapp, è quella di condividere con i propri contatti i calendari e altre informazioni. È disponibile per iOS, Android, Windows Phone e BlackBerry con download gratuito.

Telegram:

è l’app più indicata per chi vuole un programma di instant messaging al 100 % sicuro. E’ infatti considerata l’app di punta per chi vuole preservare la sicurezza dei suoi dati. E’ stata sviluppata dai fondatori del social network russo VK Nikolai e Pavel Durov e consente di inviare messaggi crittografati e file di grandi dimensioni  ma non consente di effettuare chiamate vocali. E’ disponibile, oltre che per le piattaorme desktop, per Android, iOS, Windows Phone e per le piattaforme desktop.

Hangouts:

l’ultima alternativa a Whatsapp che vi proponiamo, si tratta del programma sviluppato da Google, avente le medesime impostazioni e policy in merito alla privacy, con la possibilità di conservare, senza alcun limite di tempo o di spazio, le conversazioni con i propri contatti. Come le altre app, anche Hangouts permette di effettuare chiamate vocali, videochiamate e scambiare messaggi.

Nessuna fa al caso tuo? Sarai fedele a WhatsApp? Allora potrebbe interessarti come bloccare un contatto WhatsApp o come usare WhatsApp dal computer di casa.

Autore
Daniele Orlandi
Giornalista pubblicista, si occupa di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collabora con diverse testate giornalistiche online e offline.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*