mercoledì, 12 dicembre 2018
Home > Soldi > I vantaggi di fare la raccolta punti e i 5 premi più richiesti

I vantaggi di fare la raccolta punti e i 5 premi più richiesti

In tempi di crisi, quando bisogna inventarsi sempre qualche idea per risparmiare la vecchia, cara raccolta punti è sempre un’ottima opportunità per sfruttare il marketing a beneficio del nostro portafoglio! E’ una scelta furba quindi attivare una carta fedeltà nei supermercati e negozi di cui ci serviamo più spesso, per ottenere il massimo dai nostri acquisti. Questo tipo di raccolta punti infatti ci permetterà di ottenere numerosi sconti e premi senza dover fare nessuna “fatica”. In pratica con gli acquisti periodici e quotidiani ci troveremo ad accumulare punti, che potremo poi trasformare in regali di ogni genere.

La raccolta punti ideale

Esistono diversi tipi di tessere punti in Italia, alcune correlate a grandi catene di supermercati, altre che fanno riferimento a negozi in franchising oppure a grandi siti per lo shopping online, altre ancora che riassumono in sé diverse tipologie citate. Qualunque sia la meccanica di base, per avere una reale convenienza la raccolta punti ideale deve avere due caratteristiche: fare riferimento ad un negozio in cui facciamo acquisti con una buona frequenza, consentire di ottenere vantaggi in fretta. Ovviamente i vantaggi e i premi devono anche essere di nostro gradimento; se all’interno di un catalogo premi non troviamo nulla che desideriamo avere in casa, allora la tessera punti di quel punto vendita è per noi del tutto inutile. In alcuni casi la raccolta punti è temporanea: si riferisce solo agli acquisti effettuati entro un breve lasso di tempo. In altri casi invece si tratta di una tessera che si potrà utilizzare negli anni, con numerosi oggetti da ottenere in premio. Le due cose non si escludono a vicenda, conviene sempre fare attenzione a quale sia meglio per noi in uno specifico momento dell’anno.

I premi più richiesti

Tra i premi delle raccolte punti disponibili in Italia possiamo trovare veramente di tutto. Negli ultimi anni ciò che gli italiani hanno dimostrato di preferire, sopra qualsiasi altro premio, sono gli sconti diretti in denaro. Questo perché tale tipologie di omaggio consente di avere un ritorno sugli acquisti fatti: più compere faccio con una specifica tessera punti e maggiore sarà lo sconto ottenuto nel corso dei mesi. Allo stesso modo più che oggetti per la casa tra i premi più richiesti troviamo:

  1. sconti per cinema o le offerte che permettono di approfittare del biglietto 2×1 che consente di entrare in due al cinema al costo di un solo biglietto;
  2. sconti per ristoranti oppure, come sopra, le promo che consentono di andare al ristorante pagando una cifra ridotta per la cena per due persone;
  3. sconti per elettronica e sulla tecnologia, che ormai è sempre più parte delle nostre vite e che ci rende sempre a caccia di offerte su smartphone, computer, tablet, ecc;
  4. sconti per terme e SPA dove coccolarsi e concedersi un trattamento benessere di lusso, senza spendere un occhio della testa;
  5. sconti per vacanze come quelli dei coupon Groupon viaggi. Molti preferiscono approfittare degli sconti e offerte sui viaggi, sia per quanto riguarda il soggiorno in albergo, le case vacanza, i voli low cost e le offerte autonoleggio.

Probabilmente quest’ultima è la classe di premi più desiderata. Infatti, tutti i principali programmi fedeltà hanno come partner i grandi operatori di viaggio e prevedono sconti ad esempio sulle offerte Expedia volo hotel, la possibilità di ottenere un codice sconto Booking o di beneficiare di tariffe ridotte per il noleggio auto Hertz.  Sono infine particolarmente gettonati anche i premi che comprendono oggetti da utilizzare per lo sport e la bellezza.

Premiati con la beneficenza

Gli italiani, si sa, sono un popolo molto generoso. Lo dimostra anche il fatto che negli ultimi anni un numero crescente di organizzazioni e negozi che permettono di fare una raccolta punti inseriscono tra i possibili premi una donazione ad uno specifico ente benefico. Fare la spesa in questi casi diventa un’azione di beneficenza attiva, in quanto ci permette di regalare a una ONLUS dei soldi veri.

Autore
Daniele Orlandi
Giornalista pubblicista, si occupa di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collabora con diverse testate giornalistiche online e offline.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*