venerdì, 18 agosto 2017
Home > Salute > Le Regole e gli Errori da Evitare per Dormire Bene

Le Regole e gli Errori da Evitare per Dormire Bene

Per dormire in modo salutare ed evitare spiacevoli fastidi legati a posture scorrette, materassi o guanciali inadatti o reti di bassa qualità, è bene seguire alcune importanti ma semplici regole sia per quanto riguarda lo stile di vita da adottare nel corso della giornata, sia in merito alla scelta del sistema letto più consono alle proprie esigenze. Un sonno ristoratore è di fondamentale importanza per poter condurre una vita sana, priva di stress e di affaticamento o sensazioni di stanchezza e sonnolenza. Per un buon sonno è importante anzitutto seguire uno stile di vita equilibrato e regolare. Anche il tipo di alimentazione infatti influenza, insieme al tipo di letto e di cuscino e alla postura, la qualità del sonno durante le ore notturne.

come dormire bene

La cena deve essere ben calibrata, evitando piatti di difficile digestione e cercando di mangiare non oltre le 19, in maniera tale da addormentarsi a digestione conclusa. Tra le bevande da evitare gli alcolici che oltre ad impegnare il fegato influenzano negativamente la fase del sonno profondo. Ma anche ciò che guardiamo alla televisione prima di addormentarci può compromettere la qualità del sonno: film particolarmente violenti potrebbero portare a fare brutti sogni innalzando il livello di tensione e di stress mentre, al contrario, l’ascolto di musica rilassante è una buona pratica per addormentarsi in modo sereno. Passando alla postura, ci sono degli errori da evitare per un buon sonno ristoratore: anzitutto dormire a pancia in giù, posizione che rischia di creare fastidi alla zona lombare che proseguiranno nel corso della giornata. Ma anche dormire mettendo le mani sotto alla testa (sia a pancia in su che in giù) oppure dormire in posizione orizzontale ma senza guanciale, sono tipologie di postura che, indipendentemente dal letto utilizzato, non danno alcun beneficio ma anzi compromettono la qualità del sonno.

Passiamo invece all’abbinamento materasso – rete: il materasso non deve essere nè troppo duro nè eccessivamente molle; nel primo caso i muscoli rimarranno in tensione nel corso della notte con un’errata distribuzione della pressione mentre nel secondo caso la troppa elasticità provocherà deformazioni innaturali che comporteranno fastidi o addirittura dolori a schiena, collo o altre parti del corpo. Da non sottovalutare anche la scelta del guanciale, basata sulla posizione che si è soliti mantenere nel corso della notte. Anche in questo caso è bene evitare cuscini di eccessiva morbidezza che rischiano di accentuare la lordosi verticale o guanciali di spessore eccessivo, che creano affaticamenti a livello di spalle e collo, ma orientarsi su un cuscino di spessore intermedio e che si adatti perfettamente alla forma della testa e del collo sostenendolo senza creare tensioni. Infine la rete: elemento di grande importanza per un buon riposo. Ma è fondamentale un corretto abbinamento con il materasso ed avere dimensioni simili a esso: una buona rete deve avere un’adeguata elasticità, per conformarsi al materasso posto su di essa. E’ importante che la rete favorisca la ventilazione del materasso evitando la formazione di condensa dovuta ad accumuli di umidità, in particolare nel caso in cui sui utilizzino materassi in schiuma di lattice o di poliuretano o in Memory Foam. E nel caso di problemi alle articolazioni, malattie cardiache o problemi respiratori, affidarsi a un supporto con base articolata manuale o automatico per la testa e i piedi, agevolerà il sonno eliminando preoccupazioni, stress o tensioni.

Autore
Niki Rocco
Senior Web Developer e Seo Specialist di professione. Laureato in Informatica presso l'università Cà Foscari di Venezia, ha una passione sfrenata per il web.