lunedì, 23 ottobre 2017
Home > Casa > Pavimenti in Porfido, Un Investimento Sicuro

Pavimenti in Porfido, Un Investimento Sicuro

La scelta del materiale per la pavimentazione di interni ed esterni di una casa è molto importante al fine di evitare problemi di infiltrazioni, rotture, avvallamenti e via dicendo. Tra i materiali più resistenti, soprattutto per quanto riguarda la pavimentazione da esterni, magari con una superficie di terreno da coprire troviamo le mattonelle in porfido. Sono decisamente consigliate perché essendo di origine vulcanica, hanno un’ottima resistenza alle intemperie in quanto assorbono pochissima acqua e sono facilmente abbinabili ad altri materiali per la loro colorazione.

Fin dai tempi antichi le mattonelle di porfido venivano utilizzate per costruire edifici in pietra da esterno, proprio per la durezza del materiale e la resistenza tecnica. Principalmente costituita da vetro e con la classica colorazione rossastra, marrone o grigia, la pietra di porfido si presta a svariate tipologie di lavoro, da quelli architettonici a quelli artistici. Alcune pietre possono avere colorazioni particolari come il viola o il rosso acceso. Pavimentare spazi rustici, esterni ed interni con le mattonelle di porfido sta diventando sempre più di moda grazie ai costi contenuti, la resistenza e la particolarità del materiale. La posa della pietra lavica è un elemento essenziale per la buona riuscita del lavoro quindi meglio non affidarsi a gente poco esperta se non volete rifare il tutto in caso di errore. Un bravo posatore conoscerà pe
rfettamente il porfido, la storia, la tradizione e tutti i dettagli per garantire un risultato ideale. Essendo un materiale atipico non segue le regole della comune posa. I passaggi fondamentali sono:

  • preparazione del terreno che si andrà a coprire;
  • il momento della posa vera e propria;
  • la pulizia finale della superficie.

Le mattonelle in porfido necessitano di pochi ma importanti trattamenti.
Dopo la posa, il pavimento dovrà ricevere un buon lavaggio in modo da togliere ogni residuo eventuale di cemento e di polvere biancastra.
Un trattamento idrofobizzante che serve ad evitare la risalita di umidità dal fondo, principale causa di formazione di efflorescenze saline;
-un trattamento idro-repellente, essenziale per impermeabilizzare tutta la superficie, specialmente se si tratta di pavimenti da esterni, soggetti alle intemperie.
Infine un trattamento oleorepellente, che assicura una resistenza e una protezione maggiore contro le macchie di origine appunto oleosa e quello ravvivante per donare nel tempo lo splendore originale alle mattonelle di porfido.

Questa antichissima pietra di origine vulcanica è molto utilizzata per pavimentare piazze urbane e vialetti, proprio perché in grado di conferire all’ambiente un tocco di eleganza grazie alla sua colorazione e raffinatezza con le tecniche di posa ricercate e personalizzate. Inoltre essendo appunto una pietra lavica sarà sempre disponibile in natura e questo fattore la rende una fonte di investimento sicuro ed a lungo termine per quanto riguarda bellezza e durata nel tempo.
Le cave non si esauriscono e garantiscono costante qualità e risultati sorprendenti.
Investire in questo materiale è utile e sicuro, ha dei costi contenuti e una diffusione altissima infatti il porfido è scelto dai comuni e dalle regioni per pavimentare grandi spazi proprio per la sua resistenza e versatilità d’impiego, oltre ad un ottimo risultato garantito.

Autore
Niki Rocco
Senior Web Developer e Seo Specialist di professione. Laureato in Informatica presso l'università Cà Foscari di Venezia, ha una passione sfrenata per il web.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*