domenica, 28 maggio 2017
Home > Casa > Come Realizzare un Giardino Verticale

Come Realizzare un Giardino Verticale

Quando lo spazio sul balcone non è sufficiente per disporre piante e fiori, è possibile sfruttare l’altezza realizzando un pratico e suggestivo giardino verticale. Si tratta di una sorta di composizione alternativa al giardino, un modo per impiegare la superficie verticale, insomma le pareti esterne di casa, per dar fo
rma al proprio angolo verde con un interessante e creativo impatto visivo. Ma come realizzare un giardino verticale? le modalità per allestirlo differiscono infatti dalla classica preparazione dei vasi di terracotta da disporre sul proprio balcone, dando un tocco di originalità alla propria abitazione, con la possibilità di creare un giardino verticale esterno o indoor. A livello progettuale, è possibile pensare ad un giardino verticale in forme differenti, concentrandosi sul design oppure sull’economicità della sua realizzazione. Cerchiamo dunque di capire come realizzare con semplicità e in poco tempo uno splendido giardino verticale.

giardino verticale a casa tua

Come costruire un giardino verticale economico?

Uno dei modi migliori per realizzare un giardino verticale senza spendere un patrimonio, è quello di sfruttare le bottiglie di plastica o, in alternativa, i contenitori dei detersivi o ancora mensole e pallet. Dopo aver valutato se costruirlo dentro o fuori casa, potrete stabilire come procedere. Negli ambienti interni o sul balcone ad esempio, uno dei giardini verticali più indicati è quello con vasi che pendono dal soffitto oppure con le bottiglie di plastica, adatte per coltivare piante da fiore ma anche per realizzare un piccolo ma suggestivo orto di piante aromatiche.

realizzare giardino verticale con bottiglieAlternativa alle bottiglie, sono i vasi pensili. Ogni passaggio dovrà essere attentamente valutato, sia per quanto riguarda le dimensioni dei vasi che gli spazi a disposizione mentre qualora si opti per un giardino verticale con vasi pendenti, sarà importante valutare quale peso il soffitto sia in grado di sostenere, per evitare di incappare in spiacevoli inconvenienti. Il consiglio è quello di scegliere vasi che siano sprovvisti di foro per il drenaggio, perforandoli manualmente a due o tre centimetri dal fondo. Realizzare un giardino verticale permette di sbizzarrirvi e stimolare la vostra creatività con soluzioni originali e che catturino l’attenzione: potrete ad esempio utilizzare apposite strutture a rete come sostegno verticale sulle quali applicare contenitori di grandezza differente realizzati in casa con materiali riciclati. Oppure sfruttare i pallet, che ben si prestano a tanti riutilizzi e, posizionati in verticale, si prestano ad essere sfruttati per la crescita di fiori e piante. Premurandovi di coprire con un pannello la parete contro la quale andrà appoggiato il pallet. Pallet di dimensioni ridotte possono anche essere appesi alle pareti, decorandoli con vasi fissati alla loro struttura, dipingendoli di bianco e usando vasi di diversi colori per creare un piacevole contrasto cromatico.

Come scegliere le piante per il proprio giardino verticale?

idee creare giardino verticaleVi sono piante che ben si prestano a crescere in altezza e conocerle consentirà di ottenere in breve tempo grandi successi con le proprie coltivazioni. Tra le più indicate vi sono i fagioli viola, i pomodori che devono necessariamente crescere in altezza perchè i frutti siano maturi. Il glicine, l’edera o le rose rampicanti, per chi dispone di spazi più ampi per il proprio giardino verticale. Se invece utilizzate i vasi potrete sbizzarrirvi con una ricca serie di fiori, valutando la scelta in base all’esposizione al sole e alle temperature, dunque optando, rispettivamente per fiori che crescono bene anche in pieno sole, per piante in grado di resistere al freddo oppure per piante che sopravvivano senza problemi all’ombra.

L’impianto di irrigazione per il giardino verticale

Completata la costruzione del vostro nuovo giardino verticale indoor o outdoor, dovrete pensare a come irrigarlo. E’ possibile optare per un impianto di irrigazione a goccia anche se esteticamente risulta invasivo in quanto risulta difficile mascherare i tubicini. L’alternativa è l’irrigazione manuale, per quanto riguarda vasi di medie dimensioni oppure utilizzare i fertilizzanti liquidi o solubili in acqua, i più comodi da utilizzare ed in grado di assicurare alle vostre piante una crescita sana e regolare.

Autore
Daniele Orlandi
Giornalista pubblicista, si occupa di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collabora con diverse testate giornalistiche online e offline.

Un commento

  1. Idea molto interessante! Sicuramente un ottimo modo di occupare gli spazi e decorare l’ambiente.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*