sabato, 22 luglio 2017
Home > Casa > Come Eliminare la Condensa dalle Finestre, Prevenzione e 7 Metodi Consigliati

Come Eliminare la Condensa dalle Finestre, Prevenzione e 7 Metodi Consigliati

Quello della condensa sulle finestre è un problema presente in moltissime abitazioni, specialmente laddove l’umidità è piuttosto alta. Sia in estate che in inverno, ma in particolare nel corso della stagione fredda e durante i periodi piovosi, i vetri appannati possono costituire un problema, tanto da rendere indispensabile capire come eliminare la condensa dalle finestre così da prevenire la formazione di muffa o di funghi sui muri, che potrebbero rendere l’aria di casa meno salubre. L’alto tasso di umidità unito alla condensa, rappresentano infatti l’ambiente favorevole alla proliferazione di batteri e muffe, pertanto comprendere quali sono i metodi per eliminare la condensa dalla propria casa evitando che i vetri risultino appannati è importante per vivere in salute.

Le stanze maggiormente soggette alla formazione della condensa sono la cucina, il bagno ma anche la lavanderia o la cantina, oltre ai locali solitamente utilizzati per stendere gli abiti e lasciarli asciugare; essa va a formarsi specialmente nelle parti interne delle finestre e dei vetri e in caso di accumulo può anche gocciolare sul pavimento; è un fenomeno naturale conseguenza di sbalzi di temperatura dell’aria che, quando la temperatura si alza, assorbe vapore acqueo mentre quando si abbassa, lo rilascia e tale vapore acqueo si trasforma in gocce d’acqua quando viene a contatto con superfici più fredde.

come togliere condensa finestra

Come eliminare la condensa in una stanza?

Vi sono diversi metodi o accorgimenti, scopriamoli insieme:

  1. Aprire regolarmente le finestre per favorire il ricambio d’aria. Quando si cucina o dopo aver fatto la doccia, il rischio di formazione della condensa è molto alto; è bene dunque arieggiare le stanze durante le fasi della cottura o dopo la doccia, aiutandosi quando possibile con un aeratore, limitandone così la produzione. Stessa cosa quando si stira: il vapore prodotto dal ferro potrà così essere ‘controllato’ dall’aria proveniente dall’esterno. Anche durante l’inverno è bene aprire le finestre tutti i giorni per qualche minuto.
  2. Evitare di stendere in casa per eliminare la condensa dalle finestre. L’asciugatura del bucato in ambienti chiusi può portare alla formazione di condensa sulle finestre. L’ideale è asciugare i panni lavati all’esterno anche durante i mesi invernali, approfittando delle giornate di sole. Se non è presente uno spazio esterno, è importante favorire il ricambio d’aria nel locale utilizzato per l’asciugatura del bucato aiutandosi, quando necessario, con un deumidificatore che eliminerà l’umidità dall’ambiente trasformandola in acqua distillata.
  3. Utilizzare il panno in microfibra. Questo tipo di panno è indicato quando, nonostante il ricambio d’aria nei locali, sono ancora presenti sui vetri delle tracce di condensa. E’ bene passare il panno in microfibra o un panno assorbente che eliminerà ogni residuo.
  4. Usare cappe aspiranti o ventole. Indicate in particolar modo per la cucina, permettono di evitare una dispersione del vapore eccessiva durante la cottura degli alimenti. E’ bene in ogni caso areare l cucina lasciando la finestra aperta. Nel bagno, qualora non sia presente la finestra o ve ne sia una di ridotte dimensioni, l’installazione di una ventola di aspirazione permetterà di ottenere ugualmente un perfetto ricambio d’aria.
  5. Tenere poche piante nelle case molto umide. Il processo di fotosintesi contribuisce infatti a modificare le condizioni del clima dell’appartamento e potrebbe innalzare la percentuale di umidità, favorendo di fatto la formazione di condensa e muffe.
  6. Installare finestre dotate di doppi vetri. Gli infissi con doppi vetri sono indicati in quelle case nelle quali il problema della condensa risulta molto frequente; in questi casi è bene investire sulla sostituzione dei vecchi serramenti, limitando così il fenomeno ed evitando costosi interventi per eliminare la muffa. Il doppio vetro permette di isolare l’appartamento nel modo migliore oltre a garantire un concreto risparmio energetico durante l’inverno.
  7. Controllare temperatura e grado di umidità. La condizione ottimale per evitare il proliferale di muffe e batteri, primo accorgimento per chi vuole sapere come eliminare la condensa dalle finestre o prevenirne la formazione, è quella di mantenere la temperatura della propria abitazione intorno ai 20 gradi e l’umidità intorno al 45%
Autore
Daniele Orlandi
Giornalista pubblicista, si occupa di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collabora con diverse testate giornalistiche online e offline.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *

*

*